lunedì 14 dicembre 2015

In quindici più belli del 2015



I quindici libri più belli che ho letto nel 2015, in rigoroso ordine alfabetico:

A. Busi - Vacche amiche (Marsilio)
J. Cercas – L’impostore (Guanda)
E. Cioran - Sommario di decomposizione (Adelphi)
J.P. Cavalcanti Filho - Fernando Pessoa, una quasi autobiografia (edizioniAnordest)
J. Czapski - Proust a Grjazovec (Adelphi)
A. Ernaux - Gli anni (L’Orma)
V. Erofeev - Mosca-Petuski (Quodlibet)
D. Hamilton – George Best, l’immortale (66thand2nd)
B. Fenoglio - Il libro di Johnny (Einaudi)
D. Gorret - Errori giovanili di Anselmo Secòs (Italic peQuod)
M. Houellebecq – Sottomissione (Bompiani)
D. Kehlmann – E’ tutta una finzione/I fratelli Friedland (Feltrinelli)
K.O. Knausgard - La morte del padre/Un uomo innamorato (Feltrinelli)
A. Manguel - Una storia naturale della curiosità (Feltrinelli)
S. Vitale - Il defunto odiava i pettegolezzi (Adelphi)

2 commenti: